Solidarietà al vescovo, no dei comunisti

12 05 2007

Solidarietà al vescovo, no dei comunisti

Anche il Comune di Genova, dopo le insistenti richieste da parte di alcuni gruppi consiliari dell’opposizione, alla fine ha votato favorevolmente l’ordine del giorno in cui venivano condannate le scritte intimidatorie contro l’arcivescovo di Genova, Angelo Bagnasco, apparse sul portone della cattedrale, in piazzetta del Monastero e in vico Catena a Sampierdarena. Scritte che recitavano senza mezzi termini «vergogna», «Bagnasco a morte», «Bagnasco attento ancora fischia il vento», tutte firmate con il simbolo della falce e martello e con la sigla P38.La sala rossa si è stretta attorno al presidente della Cei non senza polemiche. I Comunisti italiani e Rifondazione al momento della votazione sono usciti dall’aula in segno di protesta.


Azioni

Information

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger cliccano Mi Piace per questo: