Pena di morte, questione di (in)civiltà

6 05 2007

Pena di morte, questione di (in)civiltà
Mi domando se sia mai esistita al mondo una civiltà vera e se parlando di civiltà non ci si debba invece riferire soltanto a un sogno, a un’aspirazione piuttosto che a una realtà acquisita. La civiltà greca, ancora insuperata per la capacità di elaborare il pensiero nelle sue espressioni più alte, e sulla quale si fonda tutta la nostra cultura, era anche quella che condannava a morte i cittadini per reati d’opinione e si interrogava seriamente se gli schiavi avessero o no un’anima. Oggi, il mondo occidentale almeno quel problema lo ha risolto (si è accertato che gli uomini anche ridotti in schiavitù l’anima ce l’hanno). La pena di morte, tuttavia, continua a praticarla alla luce del sole. Nella civilissima America le esecuzioni procedono con la stessa inevitabile frequenza del nostro campionato di calcio (che però d’estate riposa).

Annunci

Azioni

Information

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: